POSTED BY Ecoprisma | Lug, 12, 2016 |

 

In base a quanto stabilito dal Regolamento UE n. 1169/2011, diverrà obbligatoria l’etichetta nutrizionale (“dichiarazione nutrizionale”) per i prodotti preimballati a decorrere dal 13 dicembre 2016. Il Reg. UE n. 1169/2001, nell’articolo 2, comma 2, lettera e), fornisce la seguente definizione di “alimento preimballato”: l’unità di vendita destinata a essere presentata come tale al consumatore finale e alle collettività, costituita da un alimento e dall’imballaggio in cui è stato confezionato prima di essere messo in vendita, avvolta interamente o in parte da tale imballaggio, ma comunque in modo tale che il contenuto non possa essere alterato senza aprire o cambiare l’imballaggio; «alimento preimballato» non comprende gli alimenti imballati nei luoghi di vendita su richiesta del consumatore o preimballati per la vendita diretta. Le informazioni obbligatorie da riportare nel medesimo ordine sono le seguenti:

– Energia (kJ/kcal);

– Grassi (g) di cui acidi grassi saturi (g);

– Carboidrati (g) di cui zuccheri (g);

– Proteine (g);

– Sale (g).

I valori sono espressi per 100 g o per 100 ml, ed eventualmente per porzione se questa è chiaramente quantificata e indicata in etichetta. Alle indicazioni obbligatorie possono essere facoltativamente aggiunte una o più indicazioni relative a:

– acidi grassi moninsaturi;

– acidi grassi polinsaturi;

– polioli (o polialcoli);

– amido;

– fibre;

– vitamine e sali minerali (se presenti secondo quantità significative prestabilite).

Per quanto riguarda le modalità di presentazione, il Reg. UE n. 1169/2011 ribadisce la necessità di riportare le indicazioni, obbligatorie e facoltative, nello stesso campo visivo e in formato tabulare oppure, se lo spazio non lo consente, in formato lineare . La dichiarazione nutrizionale non è obbligatoria, nei seguenti casi:

1. i prodotti non trasformati che comprendono un solo ingrediente o una sola categoria di ingredienti;

2. i prodotti trasformati che sono stati sottoposti unicamente a maturazione e che comprendono un solo ingrediente o una sola categoria di ingredienti;

3. le acque destinate al consumo umano, comprese quelle che contengono come soli ingredienti aggiunti anidride carbonica e/o aromi;

4. le piante aromatiche, le spezie o le loro miscele;

5. il sale e i succedanei del sale;

6. gli edulcoranti da tavola;

7. i prodotti contemplati dalla direttiva 1999/4/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 febbraio 1999, relativa agli estratti di caffè e agli estratti di cicoria, i chicchi di caffè interi o macinati e i chicchi di caffè decaffeinati interi o macinati;

8. le infusioni a base di erbe e di frutta, i tè, tè decaffeinati, tè istantanei o solubili o estratti di tè, tè istantanei o solubili o estratti di tè decaffeinati, senza altri ingredienti aggiunti tranne aromi che non modificano il valore nutrizionale del tè;

9. gli aceti di fermentazione e i loro succedanei, compresi quelli i cui soli ingredienti aggiunti sono aromi;

10. gli aromi;

11. gli additivi alimentari;

12. i coadiuvanti tecnologici;

13. gli enzimi alimentari;

14. la gelatina;

15. i composti di gelificazione per marmellate;

16. i lieviti;

17. le gomme da masticare;

18. gli alimenti confezionati in imballaggi o contenitori la cui superficie maggiore misura meno di 25 cm2;

19. gli alimenti, anche confezionati in maniera artigianale, forniti direttamente dal fabbricante di piccole quantità di prodotti al consumatore finale o a strutture locali di vendita al dettaglio che forniscono direttamente al consumatore finale.

20. bevande con contenuto alcolico superiore all’1,2 % in volume; in questi casi la dichiarazione nutrizionale può limitarsi al solo valore energetico.

TAGS: